Razza


Razza chiodata (Raja clavata)

Caratteristiche
Il corpo appiattito ha un andamento discoidale con le pinne pettorali appuntite e il muso modestamente allungato. La pelle è particolarmente ruvida sia nella zona dorsale che in quella centrale. Inoltre, caratteristiche della Razza chiodata sono le placche spinose che nei maschi sono presenti solo sulla parte dorsale, mentre nelle femmine si trovano, anche in quella ventrale. Gli individui giovani e le femmine hanno poi una serie di spine lungo la linea mediana del corpo e lungo la coda. Tali spine nel maschio sono presenti solo sulla coda.
Raggiunge una lunghezza massima di circa 90 centimetri. La colorazione del dorso può essere sia tendente al grigio, sia al bruno, mentre quella del ventre è bianca con un bordo leggermente più scuro. Il dorso, inoltre, è in genere cosparso da macchioline nere e macchie gialle con bordi scuri. La riproduzione avviene in inverno e, per assolvere a questa funzione, le femmine si avvicinano alla costa dove, in pochi metri d’acqua, depongono le uova avvolte nelle caratteristiche capsule, di colore verdastro che, nel caso della Razza chiodata misurano circa centimetri 8 per centimetri 6. Gli embrioni hanno una incubazione di circa 5 mesi e, una volta venuti alla luce, i piccoli si trattengono per qualche tempo in acque molto basse, vicino alla riva.

Dove vive
La Razza chiodata è diffusa sia nel Mediterraneo, sia nel Mar Nero, sia lungo le coste Atlantiche dell’Europa. Predilige i fondi sabbiosi e melmosi, ma non disdegna anche i fondali misti di sabbia e ghiaia. Qui si trattiene a profondità che si aggirano intorno ai 50 metri, ma a volte può spingersi anche a poche centinaia di metri dalla costa. Se ne sta nascosta, infossata nel terreno, pronta ad attaccare nel caso veda una preda succulenta tanto incantata e imprudente da passarle vicino.

Tecniche di pesca
Dalla costa e subacquea.

 

Razza stellata (Raja asterias)

Caratteristiche
Il corpo si protende in un muso moderatamente allungato e non appuntito. Sul dorso, la pelle è ruvida e sono presenti, nei maschi adulti, ciuffi di spine sulle pinne pettorali e ai margini del capo. Inoltre, una serie mediana di spine che inizia subito dietro gli occhi, percorre tutto il corpo per finire solo davanti alla prima pinna dorsale. La coda è poi percorsa da altre due serie di spine.
Raggiunge una lunghezza massima di 70 centimetri. La sua colorazione è piuttosto variabile: a volte è gialla, a volte verde oliva, a volte addirittura marrone rossiccio. Il dorso è poi punteggiato da numerose macchioline nere e da alcune macchie gialle bordate di nero. Si riproduce deponendo le uova racchiuse nelle tradizionali capsule che, in questo caso, hanno una dimensione di circa 5 centimetri per 3 e sono di un particolare verde trasparente.

Dove vive
La Razza stellata è tipica del Mediterraneo dove è quindi abbastanza frequente. Se ne sta in genere a profondità moderata, fra i 10 e i 40 metri, ma in casi eccezionali, fino a 100 metri. Il suo habitat preferito è rappresentato dai fondali di sabbia e fango dove si mimetizza facilmente, coperta da un leggero strato di sabbia. Qui se ne sta così, immobile, in attesa che qualche gustosa preda le capiti a tiro e quando questo avviene si precipita sul malcapitato avvolgendolo con le sue pinne pettorali e inghiottendolo in un baleno.

Tecniche di pesca
Dalla costa e subacquea.

Articoli più letti negli ultimi 7 giorni