Pesce Serra


(Pomatomus saltator)

Caratteristiche
Il Pesce Serra può arrivare a pesare tra i 2 e i 5 chili e può raggiungere e oltrepassare il metro di lunghezza. Il Serra più grosso catturato in Italia è stato di 14,5 chilogrammi. Si nutre prevalentemente di Aguglie o di Cefali che attacca voracemente e il suo attacco spinge, a volte, la sua preda in pochi centimetri di acqua, senza alcuna possibilità di fuga. La sua spettacolare dentatura è stata concepita per afferrare e tranciare sia le prede che i terminali dei poveri pescatori che vedranno dopo pochi secondi di lotta il Serra riprendere il largo. La riproduzione avviene con uova pelagiche che si schiudono in alto mare, i piccoli si spostano in mare aperto fino a raggiungere la loro maturità (circa 2 chili di peso).

Dove vive
Tenace e spettacolare combattente risulta essere una delle più belle prede cui si può aspirare. Con l’aumento della temperatura media del Mediterraneo degli ultimi anni, la presenza del Pesce Serra è diventata più costante e frequente, mentre anni addietro, la sua presenza era limitata alla fascia costiera compresa tra Calabria e Lazio. Il Pesce Serra si sposta in fitti banchi in alto mare e si avvicina alla costa solo dalla primavera fino ad inizio inverno, seguendo i branchi pelagici. Non è raro comunque catturare dei Serra anche in altri periodi, soprattutto mentre si traina alla Spigola, lungo i promontori con fondali elevati o nei pressi delle isole. Le altre fasce costiere preferite da questo vorace predatore sono le secche in alto mare, le franate e le coste rocciose alte, quelle sabbiose miste in prossimità di porti, foci di acqua dolce e laghi salmastri, dove può facilmente cacciare le sue prede.
Il sub può incontrare il Pesce Serra durante l’aspetto alla Ricciola o al Dentice, ma il tiro non sarà mai facile, visto il profilo affusolato della preda e la sua costante mobilità. Sarà più facile catturarlo nella schiuma, quando è intento a banchettare con un branco di poveri Cefali o di Salpe, altra sua preda preferita, cogliendolo di sorpresa.

Tecniche di pesca
Dalla costa, dalla barca e subacquea.

Articoli più letti negli ultimi 7 giorni