La Sarda


Tra tutte le esche naturali, la Sarda rimane l’esca regina, sia per il largo impiego che se ne può fare, sia per la facilità di reperimento e per il basso costo. Infatti, la Sarda è il pesce azzurro più abbondante e viene pescato in gran quantità sia per il consumo diretto che per l’industria conserviera. Il suo successo come esca, nasce dal suo odore e dalla sua carne grassa che attira qualsiasi preda, dal ìGhiozzo al Tonno gigante. Per questo, viene anche largamente impiegata per la preparazione delle pasture, sia fresca che in paste conservate. Inoltre si può conservare in diversi modi, sia congelandola sia mettendola sotto sale o olio. La Sarda non deve essere confusa con l’Acciuga, di cui molti credono essere uno stadio giovanile, che oltre a presentare un prezzo di acquisto più alto è senz’altro più magra nelle carni e meno “profumata”. La Sarda come esca viene impiegata praticamente in tutte le tecniche della pesca in mare, con discreti risultati, ed in alcune di esse è l’unica esca ad essere impiegata, come il Drifting al tonno gigante, oppure in particolari tecniche di pesca a fondo ai Saraghi e ai Gronghi. La Sarda è anche molto utilizzata per la pesca al Cefalo, innescata a piccoli tocchetti e nel bolentino sia medio che di profondità, innescata in vari modi, intera e a pezzi. Infine, nel Surf Casting e nel Rock Fishing, veste un ruolo di esca determinante per la pesca al Grongo e alla Murena ed è gradita sia dai grufolatori che dai predatori, anche di palato fine come la Spigola e il Pesce Serra.
Vediamo le diverse tecniche di innesco, per ogni disciplina:

Pesca al Cefalo e in generale pesca con la bolognese
Questa specialità prevede di solito l’innesco a bocconi più o meno piccoli, in relazione all’amo usato. Bisogna tener conto che la carne della Sarda è soda ma non dura e quindi la sua tenuta sull’amo non è eccezionale. Per ottenere i bocconi è meglio servirsi delle mani e non usare coltelli o forbici in quanto il contatto del metallo con le carni della sarda provoca una reazione che ne modifica l’odore, che viene senz’altro avvertita dalle prede più diffidenti, come la Spigola o il Cefalo. Per prima cosa togliamo la testa con le interiora ed apriamo a libro la sarda (fig. 1), poi separiamo metà della Sarda e priviamola delle spine del ventre (fig. 2). Ora con il pollice e l’indice, ricaviamo tanti bocconi per l’innesco (fig. 3). Questi pezzi possono essere più o meno grandi a seconda dell’amo e della preda che si sta insidiando e devono essere innescati infilando l’amo di lato al boccone, facendolo ruotare ed infilando la punta dell’amo nella parte centrale, più resistente, facendo uscire l’ardiglione (fig. 4).

Pesca a Drifting

In questa specialità la Sarda è l’esca più utilizzata, visto che con la stessa si crea la scia di brumeggio che deve portare le prede in vicinanza della barca. E’ molto importante che la Sarda da innescare sia freschissima e di misura adeguata. Se viene innescata da sola, va infilata prima per il dorso e, ruotando l’amo, bisogna farne uscire l’ardiglione in prossimità della testa (fig. 1).
Un valido innesco, prevede il montaggio di due-tre sarde, infilate per gli occhi. Si prende la sarda con una mano e con l’altra si infila l’amo in un occhio facendolo uscire dall’altro (fig. 2). Si ripete la sequenza anche per le altre, fino a formare un “grappolo” molto invitante.

Pesca a bolentino

Nel bolentino, a seconda della specialità, la Sarda viene innescata a pezzi, a metà o intera. Nel bolentino profondo (Deep Fishing) si usa quella intera montata con uno o due ami e la metà, innescandola con un solo amo, passato dalla coda o dagli occhi e poi facendo sparire la punta dell’amo nelle carni del taglio. Nel bolentino costiero o di media profondità, si innesca a pezzi con tecniche diverse. In quello costiero, quindi a basse profondità, si innesca solo la polpa, operando come illustrato nei disegni 1-2-3, mentre nel bolentino di medio fondale la si innesca con tutta la pelle e la spina centrale come nelle foto 1-2-3-4.

Surf Casting e Rock Fishing
Anche in queste specialità, in particolar modo nel Rock Fishing, la Sarda viene innescata intera, con la classica montatura a più ami. Di uso più generale è la montatura della parte posteriore della sarda, privata della lisca, come mostrato nella sequenza fotografica 1-2-3:

Un altro modo di innescarla, specialmente nel Surf Casting, è detto “rivoltata”, ovvero dove le carni della Sarda sono rivolte verso l’esterno del boccone, con un conseguente aumento dell’effetto brumeggio. La preparazione dell’innesco è illustrata nella sequenza fotografica 1-2-3-4:

Questi sono i principali inneschi della Sarda e le variazioni a queste o altri modi particolari di montare questa esca sono presenti in particolari tecniche o in alcune regioni italiane.
Un’ultima considerazione: la Sarda ha le carni ricche di olio (detto “olio di sardina”) e risulta molto efficace quando l’acqua del mare ha una temperatura più alta mentre, con acqua più fredda (febbraio-marzo), risulta meno attirante.

Articoli più letti negli ultimi 7 giorni